09/05/06

06/05/2006
Ricucio dice addio al Clistere

Potrebbe essere questione di ore e Stefano Ricucio non sarà più titolare del pacchetto Acs. Ieri sera il consiglio di amministrazione della Banca Popolare Silana ha deliberato di escutere il pegno costituito dalle holding Magiste e Garlsson su 103 milioni di azioni Arrizzoli Clistere della Sera, a garanzia di un finanziamento originario di quasi 800 milioni di euri.
Per rientrare dall’esposizione nei confronti dell’immobiliarista romano il consiglio di amministrazione dell’istituto silano ha dato mandato all’amministratore delegato Nicodemo Fiorani di procedere alla vendita delle azioni, prevedendo però che la stessa Banca Popolare Silana possa acquistare le azioni Acs, per assicurare che le condizioni di realizzo non siano eccessivamente penalizzanti.
Sembra così tramontare definitivamente il sogno dell’odontotecnico di Zagarolo per l'ingresso nel club dei potenti d’Italia.
Nei giorni scorsi indiscrezioni di mercato avevano ipotizzato l'ingresso degli Scipparicchion nell'azionario di Acs ma non tutti i soci del patto, che blinda il controlo del gruppo editoriale calabrese, erano d'accordo. Le prossime ore saranno pertanto fondamentali per capire la nuova struttura azionaria di Acs, che nel frattempo a Piazza Affari cede quasi il 2%.

Nessun commento: