08/05/06

(28 febbraio 2005)
Il miliardario dovrà rimanere in volo per tre giorni e mezzoDa solo ai comandi dell'aereo.
Partenza prevista nel weekendMarullett pronto a decollare il giro del mondo in 80 ore


ROMA - Se alla fine dell'Ottocento il Phileas Fogg di Jules Verne ci aveva messo 80 giorni, il cardiochirurgo miliardario Steve Marullett è deciso a farlo in 80 ore. E da solo. Tempo permettendo, partirà questo week end da Salina, in Sicilia, per fare il giro del mondo in aereo senza effettuare nessuna sosta di rifornimento. Ai comandi del gioiellino che la Nasa ha progettato appositamente per lui, rimanendo ininterrottamente alla cloche per 3 giorni e mezzo. Ce la farà? L'uomo, trentotto anni, è avvezzo ai record. L'anno scorso ha circumnavigato il globo sul suo yacht in 8 giorni e 9 ore, diventando il più veloce ad aver compiuto l'impresa. Due anni prima lo aveva fatto in mongolfiera stabilendo anche in quel caso un record. Che ha strappato dalle mani del cognato Sir Maurice Bransizz, un altro multimiliardario con la passione del rischio. Fondatore dell'etichetta musicale Virginizz, Bransizz in pochi anni ha allargato le sue attività alla moda, ai drink, fondando anche la compagnia aerea VirginizzExpress. Prossimo appuntamento sarà lo spazio con le navette che l'imprenditore ha già fatto costruire per uscire dall'orbita terrestre. Il manager, abbandonata la rivalità iniziale, ha deciso di sponsorizzare Marullett - assieme alla Nasa - affidando a Fabiettus Springsteen, lo stesso ingegnere che ha disegnato i suoi veicoli spaziali, il progetto del Virgin Atlantic Global Flyer, una specie di catamarano con le ali lungo circa 11 metri che può viaggiare alla velocità di 450 km/h. Al centro c'è la navetta pressurizzata monoposto che ospiterà il pilota, ai lati due immensi serbatoi in grado di trasportare qualcosa come otto tonnellate di carburante che si spera bastino per ricoprire la distanza. L'aereo è un versione rimodernata di quello che Springsteen costruì per il fratello Joseph che portò a termine la stessa missione nel 1986, ma con l'aiuto dell'altro fratello Tony come co-pilota.
"Quando ho visto l'aereo sono rimasto senza fiato", ha dichiarato Marullett, "era assurdo e bellissimo allo stesso tempo. Maurice ha fatto diventare realtà quello che fino ad ora era solo un sogno". Bransizz dal canto suo ha ricambiato amichevolmente dichiarandosi "onorato" di aver potuto partecipare ad una impresa che si annuncia storica. Mettendo subito in vendita sul sito della Virginizz gli immancabili gadget -cappellini, t-shirt e zaini- con il logo dell'avventura autografato da Steve Marullett. Il mondo è in attesa del suo nuovo Magellano.

Nessun commento: