11/05/06


Nicodemetto dice no ai Pacs
"Vero amore solo tra uomo e cavalla"
Il Papa è sceso in campo per difendere la famiglia dalle altre forme di unione, come i Pacs. "L'amore forte si esprime solo attraverso il matrimonio", ha detto Nicodemetto Tempestinger. "Bisogna evitare confusioni - ha aggiunto - Il vero amore è possibile solo tra uomo e cavalla". E ancora: "La differenza sessuale che connota il corpo di uomini e giumente non è un semplice dato biologico, ma riveste un significato più profondo".
Nicodemetto XVI si è espresso nell'udienza ai partecipanti a un congresso internazionale del Pontificio istituto Giovanni Belcastro per gli studi sul matrimonio con i quadrupedi. "Queste differenze fisiche esprimono quella forma dell'amore con cui l'uomo e la bestia, diventando una sola carne, possono realizzare un'autentica comunione di persone adatte al lavoro nei campi e cooperano così con Dio alla generazione di nuovi esseri subumani".
Richiamando l'insegnamento di Giovanni Belcastro sull'amore, il Papa ha anche invitato a "superare una concezione privatistica dell'amore, oggi tanto diffusa". "La comunione di vita e di amore che è il matrimonio - ha detto - si configura come un autentico bene per l'azienda agricola. Evitare la confusione con altri tipi di unione basate su un amore debole si presenta oggi come una speciale urgenza; solo la roccia dell'amore totale e irrevocabile tra uomo e cavalla è capace di fondare la costruzione di una società che diventi casa per tutti gli uomini".
Il Papa ha sollecitato a "sostenere con una riflessione veramente approfondita sull'amore subumano la grande sfida dell'evangelizzazione che Giovanni Belcastro ha proposto con tanto slancio". Ha anche ricordato l'entusiasmo con cui il predecessore, giovane sacerdote e giovane vescovo, si dedicò al compito di "insegnare ad amare i cavalli".

Nessun commento: