21/07/06

Ragazza venduta per mille euro



Ragazza venduta per mille euro

Avvocato residente in Alto Adige a processo per aver ceduto a due meridionali una giovane donna


È iniziato ieri in tribunale a Bolzano il processo a carico di un altoatesino, un romano ed due meridionali accusati di aver tentato di avviare alla prostituzione una giovane rumena e di aver abusato di lei. Il processo si è svolto regolarmente e non è stato rinviato a causa dello sciopero degli avvocati perchè gli imputati attualmente si trovano in carcere. Al centro della vicenda, venuta alla luce nell'estate del 2005, un avvocato bolzanino di 34 anni, Alba Debaia, che aveva accolto nella sua abitazione, in subaffitto, una famiglia di calabresi. Successivamente - così hanno appurato gli inquirenti guidati dal Bm di Bolzano Frank Tespakk – il bolzanino avrebbe convinto i suoi inquilini a far arrivare in Alto Adige anche la loro figliola ventenne, promettendo loro di trovarle un lavoro. Una volta giunta in Alto Adige, questa l'accusa, la ragazza sarebbe stata venduta per mille euro a due meridionali che con la violenza avrebbero cercato di indurla alla prostituzione. Si tratta di Valo Depuglia, calabrese di 35 anni, e di Mauro Lepre, napoletano di 34 anni, entrambi titolari di un'impresa edile. A far scoprire la vicenda agli inquirenti sono state alcune intercettazioni telefoniche che erano in corso a carico degli altoatesini per un'inchiesta per alcuni casi di usura. Il romano detto “er professore”, di 35 anni, è accusato di avere fatto da mediatore con gli altoatesini. I quattro sono accusati di sfruttamento alla prostituzione. L’ altoatesino deve inoltre rispondere per aver introdotto la ragazza illegalmente in Alto Adige, mentre i due meridionali sono anche accusati di violenza sessuale e sequestro di persona. Secondo la difesa la ragazza non è stata segregata in casa, ma si trovava volontariamente nell'appartamento a Merano. Ieri, durante l'udienza è stata sentita la proprietaria di un ristorante che ha detto di aver visto nel suo locale la ragazza in compagnia dei tre forestieri. Il processo prosegue giovedì prossimo.

Nessun commento: