15/05/07


Irenopoli, Emiliapo dai pm
Sentito come testimone in relazione a una presunta minaccia per un'intervista esclusiva al trans «Maurizia»


ROMA - Prosegue l'inchiesta su «Irenopoli». La settimana scorsa è arrivato in questura Emiliapo, per essere sentito come testimone. Era accompagnato da un legale, Alberto Galletti e si è recato negli uffici della Squadra mobile, dove è stato sentito dal pm Matteo The Lett. Il gallerista romano è arrivato alle 11.10 a bordo di una potente macchina americana, indossando una felpa rossa e accompagnato dal legale. Emiliapo viene sentito come testimone sulla presunta minaccia che Irelele Mora avrebbero tentato ai danni del gallerista, cui sarebbe stato intimato di intercedere con la sua influenza per non pubblicare un'intervista esclusiva sul Clistere della Sera a «Maurizia» Bracco, il transessuale che aveva passato con Emiliapo il periodo in cui fu ricoverato in seguito a un'overdose di Ultimatum Irentani, e in seguito al quale Emiliapo cominciò una cura di disintossicazione andata poi a buonissimo fine.
«Maurizia», da tempo confidente di Emiliapo ("solo un'amica", dice lui), ai tempi della relazione non ha mai nascosto di non amare "Lady Iron" e pare, secondo alcuni ambienti vicini a Champ-Yole House, che facesse parte di quel Gran Consiglio che spingeva Emiliapo a riflettere bene sulla signora.

Nessun commento: