17/01/08

ER PAPA ALLA «SAPIENZA»
Pareva, Ni’, ch’er Papa Bbenedetto dovessi fà un discorzo a la Sapiennza, ma li docenti de la concorenza ce se ‘ncazzorno e scrizzero un bijetto:«Cqui ar Papa noi je dàmo l’interdetto, cché ssèmo laichi: è un ccaso de coscenza» e je sbarrorno l’uscio pe’ pprudenza come a un rivennitore der Ffolletto.Nun ppòi sapè Rruini! L’Oppusdei! Mussi ce sforma, Fini stà stravorto… Vabbé, ma a ’sti docenti, santiddei!,nun po’ èsse er Papa j’abbi fatto ‘n torto? … Bbah, ppistò i calli a un ccerto Galileiche, a bon bbisogno, sarà ppure morto…







3 commenti:

Anonimo ha detto...

« «Pape Satàn, pape Satàn aleppe!»,
cominciò Pluto con la voce chioccia;
e quel savio gentil, che tutto seppe,
disse per confortarmi: «Non ti noccia
la tua paura; ché, poder ch'elli abbia,
non ci torrà lo scender questa roccia.»

Figlio di satanasso, cancella questo articolo o arderai vivo macerandoti nel pentimento.
Vuoi forse che la tua donna vada in giro col burqa, e tuo figlio studi in una madrassa!

Pentiti della tua turpitudine!

Anonimo ha detto...

visto il livello dell'istruzione universitaria era meglio se ci andava Alvaro Vitali, una lezione di BXVI sarebbe stata troppo elevata per quelle zecche comuniste forforose con i denti gialli.

Anonimo ha detto...

meglio una zecca di un pedofilo.
amen