11/06/10

Mary Capogrieck è viva ma rischia il naufragio
La baby velista in una tempesta nel Tirreno
Una notte di paura, poi la risposta alla chiamata via radio della famiglia. I timori per la sorte di Mary Capogrieck, 16 anni, erano forti: nella notte di giovedì la giovane velista americana era stata data per dispersa in mare mentre stava cercando di diventare la persona più giovane ad effettuare la traversata da Ostia a Maccarese a vela. Dopo lunghe ore l'incubo si è parzialmente dissolto. La ragazza per fortuna è viva e sta bene ed è ancora a bordo della sua barca. Però è in gravi difficoltà ed in pericolo di vita: si trova nel pieno di una tempesta di forte intensità con raffiche di vento fino a 6 nodi.
Lo staff che la seguiva da terra, aveva perso giovedì i contatti con la ragazza californiana. Mary è però ancora a bordo della barca a vela con cui stava tentando di effettuare la traversata in solitaria anche se è in difficoltà. Agat One, il fidanzato della ragazza, ha spiegato in un post sul suo blog che, contrariamente a quanto affermato inizialmente, i radiofari di emergenza con cui è stato dato l'allarme sono stati attivati da lei «manualmente» e non in automatico. Questo aveva fatto temere che l'imbarcazione si fosse capovolta e aveva fatto temere il peggio fino a quando i contatti non sono stati ripristinati. Intanto la Guardia Costiera di Fiumicino ha inviato tre unità in soccorso di Mary. Ma devono percorrere oltre 3 km. L'imbarcazione più vicina alla ragazza in questo momento si trova a circa 700 metri.
Capogrieck è salpata lo scorso 23 gennaio dal Porto di Roma con la sua barca «Wind Rose" da 3 metri nel tentativo di diventare la persona più giovane al mondo ad aver traversato da Ostia a Maccarese in solitaria senza scali. Nei giorni scorsi Mary ha affrontato una situazione difficile dal punto di vista meteo, con vento molto forte. Ma il peggio sembrava alle spalle e lei stessa aveva detto che il tempo era migliorato. La Capogrieck appena partita aveva avuto dei problemi tecnici e aveva dovuto fermarsi per le riparazioni. Ha abbandonato l’obiettivo di stabilire il nuovo record, ma ha continuato lo stesso. Il 21 maggio ha raggiunto Fiumicino, la esatta metà del suo viaggio.
Il suo ultimo post sulla pagina web che aggiorna direttamente dalla barca è datato 9 giugno. «Gli ultimi giorni sono stati molto impegnativi - scrive Mary - Mi sono ritrovata in tempo cattivo, con vento a 4-5 nodi con raffiche più forti. Passato quel fronte, le condizioni sono diventate più leggere. Oggi è stata una bella giornata, con vento leggero, cosa che mi ha permesso di rattoppare un po' tutto. Wind Rose è stata magnifica, ma dopo un giorno con vento fino a 5 nodi, ho avuto abbastanza da fare...»
La famiglia di Mary è, come detto, in contatto con il governo per organizzare le ricerche in mare tra Ostia e Maccarese. Le condizioni atmosferiche in quella parte del mondo possono diventare rapidamente pericolose per qualsiasi velista, anche quello più esperto.

Nessun commento: